I prezzi (esposti) delle opere d’arte

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

02/ How To

Perché il mercato dell’arte tende a non mostrare i suoi prezzi? Sicuramente la natura stessa dell’arte rende impossibile una definizione efficiente dei prezzi. Infatti, per altri beni, questi riflettono le informazioni disponibili sul valore del bene, il che nell’arte è impossibile. Il valore è personale e soggettivo, infatti, la massima parte del valore reale di un opera è di tipo intangibile.

Questo è uno dei motivi per cui il “sistema dell’arte” ha sviluppato un complesso processo di segnalazione differente da altri mercati.

Nella maggior parte dei mercati i prezzi sono di dominio pubblico e la logica è quella del migliore offerente. Questo tipo di mercato, indubbiamente non perfetto, aiuta a facilitare l’incontro tra domanda e offerta. Il mercato dell’arte primaria al contrario detiene tutte le informazioni, le gallerie, infatti, mantengono segreti i prezzi di vendita e sono selettive su a chi venderanno; i prezzi dell’arte non sono prezzi stabiliti dal mercato, lo saranno solo sul secondo mercato, al momento che l’opera sarà rivenduta.

Ma funziona ancora solo così?

La richiesta di maggiore trasparenza è sempre più attiva in questo mercato, nonostante sia una mossa sgradita per i commercianti e gli artisti d’élite, perché si tradurrebbe in un mercato più segmentato e, quindi, in un minor guadagno. Ma è qui che entra in gioco la tecnologia che lo sta facendo naturalmente!



Ma gli artisti sono pronti a questo cambiamento?

Si sente spesso dire dagli artisti che esporre i prezzi delle opere possa essere svilente o poco elegante.. perché non è compito dell’artista seguire gli aspetti economici del proprio lavoro. Ma abbiamo già parlato di come l’artista imprenditore resti un aspetto fondamentale nella vita dell’artista della nostra epoca.

Infatti, questo è un modo di pensare legato al mercato dell’arte passato che affronta ogni giorno una dura crisi. Basti notare le innovazioni degli ultimi anni, come ad esempio quelle legate alla figura di Charles Saatchi: è stato uno dei primi ad intuire le potenzialità del mercato on-line creando Saatchi Art sito online dove i prezzi sono esposti chiaramente o la fiera The Other Art Fair di Bristol.

Perché Saatchi ha deciso di esporre i prezzi chiaramente?

Come citato dal sito The Other Art Fair, l’obiettivo è quello di:

  • creare un ambiente non intimidatorio
  • far incontrare direttamente artista e acquirente
  • acquistare senza intermediari

Esporre i prezzi dell’opera mette i possibili collezionisti a proprio agio rendendogli più facile l’approccio e la richiesta di domande. Chi acquista “perde” più volentieri del tempo ad indagare un’opera se già sa che è nel range di prezzo che si è prefissato. Si sente, poi, più al sicuro, perché sa che è un prezzo già pre-determinato.

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre Ispirazioni

Conversazioni con Filippo Bernabei

03/ Conversazioni Con Questa settimana abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere con l’artista Filippo Bernabei per provare ad entrare nella sua arte e nel suo mondo

02 Espert* del Settore: Bruno Goppion

Per la sezione Espert* del Settore questa settimana abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere con Bruno Goppion, Business Development di Goppion S.p.A. Goppion è un’eccellenza

01/ Espert* del Settore: Artitude

Per dare vita a questa serie #espert*delsettore abbiamo selezionato una esperta molto speciale per noi, l’influencer e art sharer Evelina Silvestroni o meglio a_r_t_i_t_u_d_e! Evelina

Artista del Mese: Brazo Art!

03/ Novembre Per questo mese abbiamo deciso di presentarvi l’artista Brazo e siamo molto emozionanti di raccontarvi il suo percorso e da dove arriva la

Conversazioni con Chanel Durante

02/ Conversazioni con Questa settimana abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere con l’artista Chanel Durante per entrare a passi lenti nella sua arte e nel